Scegliere i colori per la cameretta dei nostri bambini

La camera dei nostri bambini è un mondo in continuo mutamento!

Quando si è in dolce attesa, sempre che gli spazi domestici lo concedano, si inizia a fantasticare su quella che diventerà la stanza del nuovo arrivato. In altri casi capita che il piccolo faccia capolino quando meno ce lo si aspetta, magari mentre abitiamo in un monolocale fin troppo affollato. Se poi arrivano i gemelli, nemmeno a dirlo, le cose, in termini di spazio, si complicano notevolmente!

Comunque vada l’idea di costruire un nido accogliente per il nostro bambino è un’esigenza tangibile, mano a mano che i mesi trascorrono e la pancia inizia a diventare grande.Quando ero incinta di Giulia e Vittoria ricordo che passavo da momenti di positività estrema, in cui trascorrevo intere serate in internet alla ricerca dell’arredamento, delle decorazioni e dei colori perfetti, ad altri di scaramanzia estrema in cui posticipavo qualsiasi scelta al dopo, senza volermi illudere prima del tempo.

In ogni caso sognavo per loro una stanza che potesse risultare calda, tenera e confortevole. Prima che nascessero la loro attuale cameretta, era una stanza- ripostiglio che faceva un po’ da studio, con una postazione pc e qualche libro, ed un po’ da zona lavanderia, con lo stesso stendino perennemente aperto che dalla nascita delle piccole, purtroppo, troneggia nel nostro salotto.

Ricordo che continuavo a cambiare idea, la sola cosa chiara che avevo in mente è che avrei voluto moltissimo rosa! Amo il rosa, è da sempre uno dei colori, insieme all’azzurro, al blu, al turchese e al verde acqua, che amo maggiormente.

Così, la prima cosa che feci, fu proprio chiamare un imbianchino. Le tre pareti a disposizione della stanza (la quarta era ed è completamente oscurata da due armadi) diventarono così una bianca, una rosa e la terza a grosse righe verticali alternate rosa e bianche.

In internet, su un sito americano, trovai degli adesivi a forma di pois di varie dimensioni, rosa chiaro e rosa scuro, che avrei attaccato qui e là sulla parete bianca. Ho sempre amato molto le righe e pois. Sul soffitto, invece, con una pancia gigantesca pochi giorni che nascessero, avevo attaccato, aiutata dal mio migliore amico, centinaia di stelline fosforescenti, di quelle che si illuminano nel buio. Tuttora, quando la notte le addormento nella loro cameretta, devo dire che è sempre molto rilassante e romantico perdersi in quel cielo stellato.

Quello che emerge a colpo d’occhio entrando nella loro stanza, ma anche nella nostra, è che in casa amiamo tutti moltissimo i colori! Il bianco infonde serenità e non annoia mai, è vero, ma sono i colori a regalare buonumore, fateci caso! Con il tempo il rosa ed il rigore di partenza hanno lasciato spazio al caos e ad un insieme di colori sparsi, alla loro creatività e alle loro esigenze, così che la loro cameretta si è trasformata pian piano, insieme a loro.

Inizialmente c’erano giusto un fasciatoio e due lettini con le sponde, nei mesi sono sparite le sponde laterali dei letti e sono apparsi dei tappeti per prevenire i danni “da caduta”; sopra e affianco al fasciatoio ho fatto costruire due armadi capienti per contenere tutti i loro vestitini da “bimbe grandi” ed infine ho aggiunto un mobile alto e stretto a scaffali per metterci dentro i loro libretti e qualche gioco, per liberare così parte del nostro salotto! Le pareti invece sono state progressivamente coperte di adesivi e stickers.

Ultimamente i problemi di spazio si stanno ripresentando, mano a mano che i figli crescono cambiano le loro esigenze e torna in noi anche il desiderio di stipare la tenda delle principesse, le loro poltroncine, le scatole di Lego, la cucina giocattolo e la casa delle bambole altrove, magari in una camera che possa essere solo loro, grande abbastanza da contenere anche tutti i loro giocattoli.

Ecco allora che, in attesa di trovare la casa che fa per noi, ricomincio a fantasticare immaginando nuovi spazi tutti da inventare.

Mi piacerebbe, in futuro, riuscire a ricavare due stanze diverse per le mie bimbe, magari collegate da una piccola porticina. Penso che i gemelli vadano incentivati a crearsi una propria dimensione, d’altronde le occasioni per stare insieme non mancano ed è fondamentale lavorare un po’ sulla loro indipendenza. Per fortuna hanno sviluppato entrambe personalità ben definite e gusti del tutto personali, così che in futuro, sono certa che, nel progettare le loro camerette, terremo sicuramente conto dei loro desideri e gusti. Vittoria, per esempio, chiede tutto, dai vestiti al monopattino, dal piatto al tovagliolo, blu e turchese, dice che le piace il colore del mare, come darle torto!?! Mentre Giulia continua a preferire il rosa, il lilla e tutti i colori che lei definisce essere “da vera principessa”.

Quanto a me ho deciso che la prossima casa sarà completamente diversa da quella attuale, che oggi ha smesso di piacermi, troppo cupa con tanto wenguè e moltissimo rosso. La casa dei miei sogni oggi ha colori tenui, molto bianco e un ricorso frequente ai colori pastello, sotto forma di piccoli dettagli, tessili e complementi d’arredo.

Che nuance avete scelto per costruire il nido dei vostri piccini e le vostre camere da letto? Siete a caccia di idee e suggerimenti? Se sì allora QUESTA LETTURA sui colori consigliati da Dalani per la stanza da letto, fa per voi! Troverete tante idee interessanti e consigli per arredare “a colori”! Leggendo mi è venuta una gran voglia di stravolgere tutto e di ricreare in futuro degli spazi più rilassanti e piacevoli, con colori che infondano calma e serenità! E a voi?

https://www.dalani.it/camera-da-letto-colori/

error: