7 passeggini in 24 mesi

So che dovrei vergognarmene ma con voi sarò onesta, d’altronde se MammeGemelle ha preso vita è stato per fornirvi punti di riflessione, ma anche per non farvi inciampare negli stessi identici nostri errori.
Ho cambiato ben 7 passeggini da due anni a questa parte.
Prima d’ora il record numerico lo avevo fatto solo con le scuole frequentate nell’arco di tutto il liceo.
1) Prima che nascessero avevamo acquistato un passeggino gemellare usato a trenino (un bimbo dietro l’altro). Marca Jane, modello Matrix twin two. Lo abbiamo usato una sola volta.
Per farvi capire l’ingombro era lungo quanto una Smart e, ogni volta che si trattava di attraversare la strada, dovevamo fare un’assicurazione sulla vita della bambina seduta davanti, perché più a rischio di stiramento da parte delle auto.
Portarlo giù dalla rampa di scale dell’ingresso era impossibile, incastrare le navicelle in ascensore uguale.
Quella sola volta che abbiamo provato ad utilizzarlo siamo tornati a casa isterici, dopo esserci incastrati diversi volte sui marciapiedi di Milano e non essere riusciti a entrare in nessun negozio o bar della zona.
L’ho rivenduto due mesi più tardi ad un’amica che aveva esigenze molto diverse dalle mie.
Per lei che viveva fuori città e con spazi aperti quel passeggino si è rivelato perfetto, tant’è che credo lo stia ancora usando.
2) Il secondo acquisto, sempre usato, è stato uno dei nostri preferiti: una carrozzina stile vecchio modello dalle ruote grandi e larghe della Peg Perego in cui riuscivamo a metterle dentro insieme.
Non arrivavano a 2 kg l’una quando le abbiamo portate a casa e ci stavano perfettamente. Finché non sono state più grandicelle ce la siamo cavata così.
3) Terzo acquisto: due trio singoli (carrozzina –quasi mai usata-, ovetto –usato moltissimo sia in auto che in giro- e passeggino –sfruttatissimo- ) Chicco Enjoy, questa volta comprati nuovi.
In questa fase capitava spesso che, dovendo uscire da sola, mettessi una delle bimbe nel marsupio e l’altra nel passeggino.
Con questi passeggini siamo andati avanti moltissimo, fino agli 8/9 mesi delle piccole, quando abbiamo optato per 2 passeggini singoli ancora più leggeri e con chiusura ad ombrello (nuovi)
Inglesina Swift che usiamo tuttora (4-quarto acquisto).
5) Nel mentre ci siamo però resi conto che avevamo l’esigenza di uscire da soli e di avere nuovamente un passeggino gemellare.
Il quinto passeggino, questa volta usato è stato un gemellare, questa volta affiancato, della Maclaren. Non lo avessimo mai fatto. Ruote sempre inchiodate, seduta scomoda e telaio davvero
pesante. Lo abbiamo portato al mare e lasciato lì quasi subito.
6) Arriviamo allora al sesto acquisto: il passeggino gemellare (affiancato) Aria Twin della Peg Perego.
Lo adoriamo, è leggerissimo, maneggevole, i sedili sono morbidi e si reclinano benissimo. Insomma, lo avessi trovato prima credo avrei preso quasi subito questo.
Nel frattempo però è arrivato il settimo e, spero, ultimissimo acquisto: 2 passeggini “da battaglia” da 20 euro ciascuno della Prenatal che per gli spostamenti brevi e per essere lanciati nella stiva di un aereo o nel bagagliaio dell’auto come emergenza, sono perfetti.
E voi? Che passeggini avete scelto?
error: